Pronta replica di Sabatini: Iervolino verrà in tribunale con me

“Il problema delle commissioni non è un problema mio, è un problema del calcio, ma su questo sono perfettamente d’accordo con Iervolino. Ancora oggi sono pentito di non aver concluso con il povero Raiola proprio a causa di una lite su una commissione di quattro milioni per portare un giovanissimo Paul Pogba alla Roma”. Lo ha detto l’ex ds della Salernitana, Walter Sabatini, a Radio Anch’io Sport su Rai Radio1, rispondendo a un attacco da parte del presidente della Salernitana, Antonio Iervolino, in un’intervista alla Gazzetta dello Sport.

“Io bugiardo? Non diceva questo – ha replicato alle parole di Iervolino – quando mi chiedeva quasi piangendo di salvare la Salernitana. Poi io sono nel calcio da 30 anni, lui da 30 giorni. Il problema delle commissioni c’è, e confermo che il nodo è stata una commissione per l’agente di Lassana Coulibaly, ma se mi ha dato del bugiardo verrà in tribunale con me, nessuno in 30 anni si è mai azzardato a farlo. Credo sia una caduta di stile, anche se lì di stile ce n’è molto poco”.

“Tutto questo mi addolora moltissimo – aggiunge Sabatini parlando del suo addio al club campano – dopo sei mesi di grandissimo stress e aver ottenuto un risultato storico con la salvezza. Mi sento ancora il ds della Salernitana, domani prenderò un volo per andare all’estero dove probabilmente accetterò un’offerta, è un club molto prestigioso, devo parlare con il presidente e vediamo se ci sono i presupposti. C’è un velo di tristezza sulla prima salvezza della Salernitana, credo sia triste anche il popolo salernitano: c’era qualcosa da festeggiare invece hanno fatto il funerale, il mio funerale, ma io sono immortale”.