Biografia di Lev Yashin

Cari lettori di Calcio di Rigore.com oggi andremo ad offrivi la storia di uno dei migliori portieri della storia del calcio. Nelle prossime righe troverete tutti i dettagli inerenti la biografia di Lev Yashin, calciatore di origine russa considerato dalla critica internazionale come uno dei migliori interpreti del ruolo di portiere di tutti i tempi. Questo sarà il primo di una serie di post dedicati alla vita dei calciatori più famosi e conosciuti nel panorama calcistico internazionale. Buona lettura.

Carriera di Leve Yashin in pillole

  1. Nascita: 1929
  2. Morte: 1990
  3. Paese: Russia
  4. Posizione: Portiere
  5. Club: Dinamo Mosca (1950-1970)
  6. Calcio di club: 326 partite
  7. Squadra nazionale: 74 partite

 

Biografia di Lev Yashin

Lev Yashin, noto anche come “The Black Spider” o “The Black Panther”, è stato un portiere sovietico considerato uno dei migliori nella storia del calcio. È nato il 22 ottobre 1929 a Moscow, in Unione Sovietica, e ha giocato per Dynamo Mosca dal 1949 al 1970. Ha vinto cinque volte la medaglia d’oro dei campioni sovietici e tre volte la Coppa sovietica.

Yashin è stato il primo portiere a vincere il premio FIFA per il miglior giocatore dell’anno nel 1963, e il primo e unico portiere a vincere il premio Ballon d’Or nel 1963. Ha rappresentato l’Unione Sovietica in tre Coppe del Mondo, nel 1958, 1962 e 1966, e ha vinto la medaglia d’argento nel 1956 con la squadra olimpica sovietica.

Yashin ha anche stabilito numerosi record durante la sua carriera, tra cui il più alto numero di clean sheet in una stagione di campionato sovietico e il più alto numero di clean sheet in una Coppa del Mondo.

Yashin è morto il 20 marzo 1990, a causa di un cancro alla prostata, ma la sua eredità è stata celebrata in tutto il mondo, con una statua e una via a suo nome a Mosca e un premio annuale per il miglior portiere FIFA che porta il suo nome.

Ora andiamo ad analizzare nel dettaglio le diverse fasi della vita e della carriera del mitico portiere russo.

 

Gli umili inizi

La prima vita di Yashin non fu affatto una passeggiata. Quando aveva solo 12 anni, l’Unione Sovietica entrò nella Seconda Guerra Mondiale e Yashin fu costretto a sostenere lo sforzo bellico lavorando in una fabbrica. Nonostante fosse un giocatore di hockey su ghiaccio e di calcio di talento, il lavoro costante continuava a logorare Yashin. A 18 anni ebbe un esaurimento nervoso e perse la voglia di fare sport.

A quel punto, però, uno degli amici di Yashin in fabbrica gli suggerì di arruolarsi nel servizio militare. Per Yashin fu la salvezza. Combinando gli obblighi militari con il calcio, ritrovò la motivazione, si rimise ad allenarsi e fu presto notato da Arkady Chernyshov, allenatore delle giovanili della Dinamo Mosca.

Nonostante l’ingresso nella Dinamo nel 1950, Yashin dovette aspettare per avere la sua occasione. All’epoca il portiere titolare del club era Alexei “Tiger” Khomich, un portiere leggendario. In effetti, Yashin fu così sconcertato dall’eccellenza di Khomich che pensò di lasciare il calcio per l’hockey su ghiaccio, dove vinse una coppa dell’URSS nel 1953.

 

La strada verso la celebrità

Nello stesso anno, però, Khomich si infortuna e Yashin prende il posto da titolare. Gli ci volle meno di un anno per ottenere la possibilità di giocare con la nazionale; al suo debutto, l’Unione Sovietica sconfisse la Svezia per 7-0. Nei quattro anni successivi, Yashin vinse tre titoli con la Dinamo (1954, 1955, 1957) e guidò la sua nazionale alla medaglia d’oro alle Olimpiadi del 1956.

Tuttavia, fu la Coppa del Mondo del 1958 a far conoscere Yashin al mondo del calcio. La sua mentalità da portiere-spazzino, la sua presenza dominante nell’area di rigore e la sua capacità di leggere il gioco non avevano eguali all’epoca e i giornalisti non persero tempo a proclamare Yashin il miglior portiere del mondo.

La migliore partita di Yashin ai Mondiali fu contro il Brasile nella fase a gironi. Guidato da Garrincha e con il diciassettenne fenomeno Pelé, il Brasile non aveva una vera concorrenza in quel torneo. La squadra sovietica perse la partita per 2-0, ma Yashin evitò una sconfitta con una prestazione stellare. Anche se l’Unione Sovietica fu eliminata ai quarti di finale dalla Svezia, Yashin fu votato come miglior portiere del torneo.

Nessun altro portiere al mondo, né durante la sua epoca né oltre, era così completo come Yashin. Oltre al suo naturale atletismo e ai suoi superbi riflessi, Yashin era noto per il suo posizionamento, la sua statura e il suo coraggio. È stato il primo portiere ad aver iniziato a puntare su una presenza vocale nella squadra, urlando costantemente ordini ai difensori e imponendo in altro modo la sua autorità.

 

La caduta e l’ascesa

Dopo aver condotto la Dinamo a un altro titolo (1959) e aver vinto la Coppa delle Nazioni europee del 1960, Yashin ebbe un calo di forma. Questo è particolarmente evidente nella Coppa del Mondo del 1962, dove commette diversi errori inusuali contro la Colombia, che portano la partita a concludersi in un pareggio per 4-4. L’Unione Sovietica fu nuovamente eliminata ai quarti di finale, perdendo 2-1 contro il Cile.

Nonostante sia stato dipinto dalla stampa come un capro espiatorio per la Coppa del Mondo 1962, Yashin si riprende. Nel 1963, conduce la Dinamo a un altro titolo e diventa il primo portiere a vincere il Pallone d’Oro. Quell’anno, inoltre, compie diverse parate spettacolari nella partita Inghilterra-Resto del Mondo. Nella sua biografia, Yashin affermò che questa partita ebbe un ruolo importante nel prolungare la sua carriera.

Nel primo turno della Coppa del Mondo del 1966, Yashin saltò due partite a causa di un leggero infortunio. Tuttavia, si riprese in tempo per condurre il suo Paese al miglior piazzamento di sempre, il 4° posto. Dopo questo risultato, il 37enne Yashin si preparò a chiudere la carriera. Si ritirò dalla Dinamo nel 1970, dopo oltre due decenni di servizio. Nello stesso anno partecipò alla sua ultima Coppa del Mondo come assistente allenatore e terza riserva.

 

Post carriera ed eredità

Dopo il periodo di gioco, Yashin trascorse i due decenni successivi ricoprendo numerosi incarichi amministrativi presso la Dinamo Mosca. Sfortunatamente, ebbe molti contrasti con il presidente del club Piotr Bogdanov, il cui peso politico rese la vita di Yashin più difficile del previsto. A causa del rifiuto delle autorità di concedere il visto alla moglie, Yashin non ha potuto lasciare il Paese in molte occasioni.

Ancora oggi, Yashin è l’unico portiere ad aver vinto il Pallone d’Oro. Nel corso della sua carriera, ha parato 151 calci di rigore e ha mantenuto più di 270 reti. Nel 1967 è stato insignito dell’Ordine di Lenin, la più alta onorificenza civile dell’URSS. Nel 1998, Yashin è stato eletto miglior portiere del XX secolo dall’International Federation of Football History & Statistics (IFFHS). È morto il 20 marzo 1990.

 

Conclusioni

Per qualsiasi informazione in merito alla biografia di Lev Yashin restiamo a disposizione. Potete scriverci attraverso la pagina contatti o al seguente indirizzo email: info@calciodirigore.com

Alla prossima

Lascia un commento

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Informativa

Il sito www.calciodirigore.com utilizza cookie tecnici e di terze parti per ottimizzare la navigazione e i servizi offerti, cliccando il pulsante accetta acconsenti all’utilizzo dei cookie. i cookie pubblicitari sono utilizzati per la personalizzazione degli annunci. Cliccando su “Accetta”, si acconsente all’uso di TUTTI i cookie presenti. Per informazioni sui cookie utilizzati in questo sito visita la nostra pagina cookie policy. Per informazioni in merito alla politica di privacy utilizzata da questo sito, visita la pagina privacy policy.

 

Il sito www.tiktokpills.com utilizza i cookie per fornire al visitatore l’esperienza più pertinente e funzionale possibile, ricordando le preferenze e le visite ripetute nel tempo. I cookie pubblicitari sono utilizzati per la personalizzazione degli annunci. Cliccando su “Accetta”, si acconsente all’uso di TUTTI i cookie. Tuttavia è possibile visitare le Impostazioni dei cookie per fornire un consenso controllato.